facebook twitter Google Plus rss

Clima e Ambiente

CLIMA | AMBIENTE

CLIMA Estonia

Il clima in Estonia è influenzato sia dal Mar Baltico che dalla vastissima piattaforma continentale russa. La temperatura media durante l’anno è di circa 8 gradi. Le precipitazioni, che da novembre a marzo sono prevalente di carattere nevoso, risultano più abbondanti nella parte settentrionale ed occidentale del Paese. Generalmente Febbraio risulta il mese più freddo e Luglio quello più caldo.

In estate il clima è fresco, con una discreta escursione termica tra le ore centrali della giornata e il primo mattino. Difficilmente la temperatura supera i 25 gradi. La media del mese di Luglio si attesta attorno ai 17 gradi. Da rilevare una frequente ventilazione e una copertura del cielo. In questa stagione le ore di luce sono davvero molte. Il sole tramonta poco prima di mezzanotte e sorge attorno alle cinque.

L’inverno è la stagione più lunga sotto il profilo climatico. Dalla seconda metà di ottobre alla fine di Aprile la temperatura raramente supera i 5/6 gradi. Dicembre, Gennaio e Febbraio sono, ovviamente i mesi più freddi. Per intere settimane la temperatura può restare sotto zero, con punte di -20. La prima neve cade generalmente nel mese di Novembre con un innevamento che dura da Dicembre a Marzo. Le stagioni intermedie sono molto brevi.

La primavera coincide di solito con il mese di Maggio. Aprile è un mese caratterizzato nelle prima decade dal fenomeno del “disgelo”. Non è un buon momento per visitare il Paese. Le strade si riempiono di fanghiglia senza considerare che il tempo può essere davvero imprevedibile.

L’autunno si concentra nei mesi di settembre e ottobre. Le giornate si accorciano molto rapidamente e la sera il freddo è pungente. Ad ottobre il clima assume marcate caratteristiche autunnali. Le terse giornate settembrine con temperature gradevoli lasciano spazio ad un tempo generalmente molto perturbato, con pioggia persistente. La temperatura dell’acqua nei mesi estivi supera, di poco i 20 gradi. In particolare, il Mar Baltico è molto freddo nel mese di giugno e più tiepido nella seconda decade di agosto e nella prima di settembre.

Dati climatici relativi alla città di Tallinn

 A  B  C  D  E  F
 4,8  -7  17  11/0,5  580  123

A: Temperatura media annua
B: Temperatura media di Gennaio
C: Temperatura media di Luglio
D: Ore di sole nei mesi di Giugno e Dicembre
E: Precipitazioni annue in mm (75% pioggia- 25% neve)
F: Numero dei giorni di pioggia

 

 

Quando andare
Sotto il profilo strettamente climatico e delle ore di luce, il periodo migliore per recarsi in Estonia va da maggio a settembre. Particolarmente consigliate le ultime due settimane di giugno.
L’estate baltica è comunque alquanto breve, con giornate tiepide (raramente calde) e notti (corte) caratterizzate da una temperatura “frizzante”. D’obbligo anche durante la bella stagione, un maglione ed una giacca impermeabile.

Il solstizio d'estate e il giorno di San Giovanni
La festa di San Giovanni (a dispetto del nome a tutti gli effetti una festa pagana) inizia la sera del 23 giugno, quando le strade delle principale città letteralmente si svuotano e pub e ristoranti lavorano solo sino ad una certa ora.
Gruppi di amici, interi nuclei familiari e comitive di turisti si “rifugiano” nei boschi dove aspetteranno la luce dell’alba, tra canti e “spettacolari” bevute.
La tradizione, molto sentita nei Paesi Baltici, vuole che le piante raccolte durante le prime ore del mattino, siano dotate di proprietà terapeutiche e che siano di buon auspicio. In particolare, il quadrifoglio, è molto ricercato, dagli innamorati.
 

AMBIENTE Estonia

L’Estonia, il più settentrionale dei paesi baltici con i suoi 45.227 kmq è anche il più piccolo con una superficie pari a quella della Lombardia e del Veneto messi insieme.

Il territorio è quasi del tutto pianeggiante. La “montagna” più elevata è il Suur Munamagi con i suoi 320 mt sul livello del mare! L’Estonia è uno dei Paesi firmatari del Protocollo di Kyoto che ha come fine la riduzione delle emissioni di gas serra. L’inquinamento industriale è stato oggetto di numerose leggi. Sono stati finanziati studi sull’impatto ambientale delle attività industriali, sullo smaltimento e sul trattamento dei rifiuti. In particolare è da segnalare un forte impegno al fine di abbassare i livelli di inquinamento delle acque causati dalle centrali termoelettriche e dalle industrie sorte lungo la costa, in particolare durante il periodo sovietico. Oggi, intere aree del Paese sono aree protette, attraverso la creazione di numerose riserve naturali. Su una superficie poco più vasta dell’Olanda vi sono ben quattro parchi nazionali.

In particolare il Parco Nazionale di Lahemaa , istituito nel 1971, quando l’Estonia faceva parte dell’Unione Sovietica, si estende per ben 1120 kmq e comprende un tratto di costa ad est di Tallinn e una serie di percorsi naturalistici. I boschi sono popolati da pini e abeti. Le foreste sono composte da un ricco sottobosco, con conifere, querce e betulle e coprono quasi un terzo dell’intero territorio Lo sbocco al mare e’ caratterizzato da oltre 3000 km di coste, perlopiù basse e sabbiose. Spesso in inverno le acque gelano e chiudono in una morsa le isole prospicienti.

Il Mar Baltico resta, anche se in misura minore rispetto al passato, inquinato. Questo dipende principalmente dagli scarichi di sostanze inquinanti portate dai fiumi. Da segnalare che Riga, capitale della confinante Lettonia nonché città più grande dell’intera regione, smaltisce solo l’80% dei suoi rifiuti attraverso un moderno impianto di trattenimento dei liquami. La fauna è assai ricca. Molti animali sono sotto la protezione delle autorità. Alcuni sono a rischio estinzione. Come lo scoiattolo volante.

Di seguito, proponiamo un elenco dei principali Parchi Nazionali Estoni:

Parco Nazionale di Lahemaa- 1120 kmq
Il più grande di tutta l’Estonia a pochi km ad est di Tallinn. Il Parco comprende un tratto di costa frastagliata con baie, isolette e penisole. L’entroterra comprende oltre a boschi e qualche piccola palude ben 14 laghi e 8 fiumi. Ogni anno è visitato da quasi mezzo milione di persone.

Parco Naturale di Haanja- 200 kmq-
www.haanjapark.ee
Situato a sud di Voru, nella parte sud-orientale del Paese non lontano dal confine con la Lettonia. Fitti boschi e tanti piccoli laghetti caratterizzano questo splendido parco. Nei dintorni anche qualche agriturismo.

Parco Nazionale di Saomaa- 380 kmq
Nella parte sud occidentale, a mezz’ora di auto ad est di Parnu, si trova questo parco. Acquitrinoso e selvaggio ospita al suo interno lupi, linci, cinghiali e lontre. Più svariate specie di uccelli. Possibilità di escursioni in canoa.

 

Tallinn

Tallinn, capitale della Repubblica di Estonia, è una città dai tratti spiccatamente medioevali.

Tartu

Tartu è una città universitaria situata nella parte sud orientale del Paese.

Pärnu

La città deve il suo nome al fiume omonimo che l’attraversa prima di gettarsi nelle acque del Mar Baltico.

Speciale Helsinki

Capitale della Finlandia, Helsinki è una metropoli di piccole dimensioni.